La logica del sopravvivere alla pandemia del Coronavirus – edizione ridotta su cosa fare

Di segui­to è ripor­ta­to un bre­ve rias­sun­to del nostro arti­co­lo ori­gi­na­le “La logi­ca del­la soprav­vi­ven­za alla pan­de­mia del Coronavirus”. Gli scien­zia­ti pos­so­no fare rife­ri­men­to a que­sto arti­co­lo, chiun­que sia sem­pli­ce­men­te inte­res­sa­to a come pro­teg­ger­si dal­le con­se­guen­ze poten­zial­men­te gra­vi di un’infezione da COVID-19 può sem­pli­ce­men­te con­ti­nua­re a leg­ge­re.

L’obiettivo: soprav­vi­ve­re e vede­re la pan­de­mia fini­re pre­sto, in modo che l’economia non si fer­mi trop­po a lun­go, con tut­te le con­se­guen­ze dif­fi­cil­men­te pre­ve­di­bi­li per la vita e la soprav­vi­ven­za di tut­ti noi.

Se il rischio di mori­re per l’infezione si ridu­ce dra­sti­ca­men­te, la pan­de­mia di coro­na­vi­rus si ridu­ce imme­dia­ta­men­te allo sta­to di una nor­ma­le onda­ta di influen­za; la vita può tor­na­re alla nor­ma­li­tà, l’economia può con­ti­nua­re a fun­zio­na­re qua­si nor­mal­men­te, si con­ser­va­no miliar­di.

Come si muo­re per un’infezione da coro­na­vi­rus? Di pol­mo­ni­te. Cosa por­ta le per­so­ne in tera­pia inten­si­va e sopraf­fa le uni­tà di tera­pia inten­si­va in poco tem­po (sap­pia­mo di cosa stia­mo par­lan­do)? Polmoniti.

Come si svi­lup­pa la pol­mo­ni­te? Nel caso del coro­na­vi­rus, secon­do le cono­scen­ze attua­li, in pri­mo luo­go per aspi­ra­zio­ne (ina­la­zio­ne) di muco farin­geo pie­no di virus. Diverso è sta­to il caso del virus del­la SARS del 2003, che è entra­to diret­ta­men­te nei pol­mo­ni come aero­sol e (pro­ba­bil­men­te per que­sto moti­vo, tra gli altri) è sta­to mol­to più leta­le di COVID-19.

Quando è mag­gio­re il rischio di tale aspi­ra­zio­ne? Durante il son­no, sia per le per­so­ne sane, sia per le per­so­ne mala­te, e più pro­fon­do è il son­no, mag­gio­re è il rischio.

È impor­tan­te quan­to virus è pre­sen­te nel muco farin­geo? Assolutamente . L’esito del­la lot­ta del siste­ma immu­ni­ta­rio con­tro gli agen­ti pato­ge­ni è essen­zial­men­te sem­pre anche una que­stio­ne di quan­ti­tà, sem­pli­fi­ca­ta: quan­ti agen­ti pato­ge­ni col­pi­sco­no i mec­ca­ni­smi di dife­sa dell’organismo (muco­se, epi­te­lio respi­ra­to­rio, cel­lu­le immu­ni­ta­rie)?

Sarebbe uti­le ral­len­ta­re sem­pli­ce­men­te il decor­so dell’infezione, anche se quel­la che può esse­re defi­ni­ta un’infezione non sarà sta­ta pre­ve­nu­ta del tut­to da ciò che pro­po­nia­mo qui di segui­to (e cre­dia­mo che dovreb­be esse­re pre­ve­nu­ta nel­la mag­gior par­te dei casi)? Assolutamente sì. Si con­si­de­ri che i sin­to­mi ini­zia­no tipi­ca­men­te intor­no al quin­to gior­no di un’infezione con COVID-19, quan­do la popo­la­zio­ne vira­le nel­la gola rag­giun­ge il suo api­ce. Al deci­mo gior­no, il siste­ma immu­ni­ta­rio in gene­re ha già pre­so il soprav­ven­to – se nel frat­tem­po non sono entra­te nei pol­mo­ni quan­ti­tà signi­fi­ca­ti­ve di virus. Quindi, anche se doves­si­mo solo ral­len­ta­re il decor­so di una pos­si­bi­le infe­zio­ne per far sì che il nostro siste­ma immu­ni­ta­rio abbia abba­stan­za tem­po per svi­lup­pa­re la sua rispo­sta soste­nu­ta, potrem­mo aver per­so la bat­ta­glia ini­zia­le, ma abbia­mo vin­to la guer­ra.

Cosa fare?

Indipendentemente dal­la que­stio­ne se si ha (già) dei sin­to­mi o meno, disin­fet­tar­re una vol­ta al gior­no la gola pri­ma di anda­re a let­to e per pre­ve­ni­re la tra­smis­sio­ne fino a quat­tro vol­te al gior­no in tut­to, nel­lo stes­so modo in cui si fa da decen­ni nei repar­ti di tera­pia inten­si­va degli ospe­da­li per pre­ve­ni­re la pol­mo­ni­te e anche negli stu­di den­ti­sti­ci. Una vol­ta al gior­no non dan­neg­gia i bat­te­ri ora­li buo­ni, fino a 4 vol­te è accet­ta­bi­le, ma far­lo solo più di 1 vol­ta per pro­teg­ge­re gli altri, l’aspirazione di muco farin­geo avvie­ne duran­te la not­te.

Come?

Facendo gar­ga­ri­smi con una solu­zio­ne di peros­si­do di idro­ge­no dilui­to all’1 %. Questo può sem­bra­re peri­co­lo­so per alcu­ne per­so­ne (“non è così che si sbian­ca­no i capel­li?”), ma è una pra­ti­ca con­so­li­da­ta e non peri­co­lo­sa. Fare gar­ga­ri­smi per 60 secon­di (da sud­di­vi­de­re in 4 vol­te 15 o 6 vol­te 10 se non si rie­sce ad incli­na­re la testa all’indietro per così tan­to tem­po). Il peros­si­do di idro­ge­no è dispo­ni­bi­le nei super­mer­ca­ti e/o nel­le far­ma­cie, pur­ché non sia già esau­ri­to, per­ché è già rac­co­man­da­to e acqui­sta­to in gran­di quan­ti­tà per la disin­fe­zio­ne del­le super­fi­ci dome­sti­che. La con­cen­tra­zio­ne in ven­di­ta è tipi­ca­men­te del 3 % o del 6 %, quin­di è neces­sa­rio aggiun­ge­re due o cin­que par­ti di acqua a una par­te del­la solu­zio­ne acqui­sta­ta. Fare gar­ga­ri­smi con una pic­co­la quan­ti­tà di solu­zio­ne all’uno per cen­to da 10 a 20 ml.

(Il peros­si­do di idro­ge­no distrug­ge le pro­tei­ne. Si tro­va­no anche sul­la super­fi­cie del­le cel­lu­le del cor­po, ma le cel­lu­le stan­no costan­te­men­te rico­struen­do que­ste pro­tei­ne. Un virus non vive e non può rico­strui­re nul­la. Una vol­ta che il suo guscio pro­tei­co è distrut­to, è inef­fi­ca­ce.)

Il virus si tra­smet­te prin­ci­pal­men­te par­lan­do e tos­sen­do tra­mi­te pic­co­le goc­cio­li­ne attra­ver­so l’aria, dal­la gola, anche da per­so­ne infet­te che sono anco­ra asin­to­ma­ti­che. Chiunque “schiac­ci” rego­lar­men­te la “sua” (pos­si­bi­le) popo­la­zio­ne vira­le nel­la gola fino a pic­co­li resi­dui, facen­do gar­ga­ri­smi con il peros­si­do di idro­ge­no, mini­miz­za così il pro­prio rischio di con­trar­re la pol­mo­ni­te e allo stes­so tem­po il rischio di con­ta­gia­re gli altri. Il rischio mag­gio­re di infe­zio­ne è tra i mem­bri del­la fami­glia e nei mez­zi di tra­spor­to con­di­vi­si.

Poiché il rischio di aspi­ra­zio­ne del muco farin­geo duran­te la not­te è aumen­ta­to dal son­no par­ti­co­lar­men­te pro­fon­do, ad esem­pio a cau­sa dell’assunzione di son­ni­fe­ri o del con­su­mo di alco­li­ci, que­sto dovreb­be esse­re evi­ta­to duran­te la cri­si del coro­na­vi­rus.

Inoltre, una caren­za di zin­co dovreb­be esse­re evi­ta­ta in ogni caso, poi­ché tale caren­za spo­sta lo sta­to di base del siste­ma immu­ni­ta­rio in una dire­zio­ne (Th2) che è peri­co­lo­sa in caso di infe­zio­ne da coro­na­vi­rus.

Più per­so­ne segui­ran­no que­sti con­si­gli, che io in quan­to medico/scienziato medi­co mi per­met­to di dare e che natu­ral­men­te seguo anche per me e la mia fami­glia, meno per­so­ne mori­ran­no e pri­ma e con meno dan­ni potre­mo supe­ra­re que­sta cri­si.

Non è che sia­mo impo­ten­ti in balia del peri­co­lo e non pos­sia­mo fare altro che nascon­der­ci. Possiamo agi­re e rea­gi­re. Siamo uma­ni. Siamo loi­ci. Siamo gli ere­di di Dante.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su vk
Condividi su linkedin
Condividi su xing
Condividi su google
Condividi su email
Condividi su print
Riguardo il processo all’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini per “sequestro di persona” che sta per cominciare, molti commentatori hanno messo l’accento sul punto che una eventuale privazione della libertà dei clandestini a bordo delle navi Diciotti e Gregoretti doveva essere illegittima per permettere di dare legalmente torto all’allora ministro. Ma secondo le regole della logica non c’è nemmeno la fattispecie del reato. …
[ Il testo seguen­te è una tra­du­zio­ne del nostro arti­co­lo “The logic of sur­vi­ving the Coronavirus pan­de­mic“. Mentre sia­mo sicu­ri del­la vali­di­tà del con­te­nu­to, chie­dia­mo scu­sa in anti­ci­po per gli erro­ri lin­gui­sti­ci e sti­li­sti­ci nel­la ver­sio­ne ita­lia­na. ] In que­sto arti­co­lo sug­ge­ria­mo quel­lo che con­si­de­ria­mo, oltre alla qua­ran­te­na dra­sti­ca per tut­ti, l’approccio più logi­co e pro­met­ten­te per soprav­vi­ve­re alla pan­de­mia del Coronavirus, sia a livel­lo indi­vi­dua­le che siste­mi­co. Traiamo con­clu­sio­ni da infor­ma­zio­ni sco­per­te e …

Lasciare un commento / unirsi alla discussione

Di segui­to è ripor­ta­to un bre­ve rias­sun­to del nostro arti­co­lo ori­gi­na­le “La logi­ca del­la soprav­vi­ven­za alla pan­de­mia del Coronavirus”. Gli scien­zia­ti pos­so­no fare rife­ri­men­to a que­sto arti­co­lo, chiun­que sia sem­pli­ce­men­te inte­res­sa­to a come pro­teg­ger­si dal­le con­se­guen­ze poten­zial­men­te gra­vi di un’infezione da COVID-19 può sem­pli­ce­men­te con­ti­nua­re a leg­ge­re. L’obiettivo: soprav­vi­ve­re e vede­re la pan­de­mia fini­re pre­sto, in modo che l’economia non si fer­mi trop­po a lun­go, con tut­te le con­se­guen­ze dif­fi­cil­men­te pre­ve­di­bi­li per la vita …
[ Il testo seguen­te è una tra­du­zio­ne del nostro arti­co­lo “The logic of sur­vi­ving the Coronavirus pan­de­mic“. Mentre sia­mo sicu­ri del­la vali­di­tà del con­te­nu­to, chie­dia­mo scu­sa in anti­ci­po per gli erro­ri lin­gui­sti­ci e sti­li­sti­ci nel­la ver­sio­ne ita­lia­na. ] In que­sto arti­co­lo sug­ge­ria­mo quel­lo che con­si­de­ria­mo, oltre alla qua­ran­te­na dra­sti­ca per tut­ti, l’approccio più logi­co e pro­met­ten­te per soprav­vi­ve­re alla pan­de­mia del Coronavirus, sia a livel­lo indi­vi­dua­le che siste­mi­co. Traiamo con­clu­sio­ni da infor­ma­zio­ni sco­per­te e …