Salvini e “sequestro di persona” – nemmeno la fattispecie sussiste

Riguardo il pro­ces­so all’ex mini­stro dell’Interno Matteo Salvini per “seque­stro di per­so­na” che sta per comin­cia­re, mol­ti com­men­ta­to­ri han­no mes­so l’accento sul pun­to che una even­tua­le pri­va­zio­ne del­la liber­tà dei clan­de­sti­ni a bor­do del­le navi Diciotti e Gregoretti dove­va esse­re ille­git­ti­ma per per­met­te­re di dare legal­men­te tor­to all’allora mini­stro.

Ma se si guar­das­se bene quel­lo che in sen­so pro­prio è acca­du­to su que­ste due navi, si vedreb­be che Salvini, secon­do le rego­le impe­ra­ti­ve del­la logi­ca, da cui deri­va­no quel­le giu­ri­di­che, non ha pri­va­to nes­su­no del­la pro­pria liber­tà per­so­na­le.

1. Se i clan­de­sti­ni fos­se­ro arri­va­ti dal­la Francia al con­fi­ne ita­lia­no e respin­ti dagli Alpini che ormai da anni vi con­trol­la­no l’ingresso, il caso sareb­be sta­to chia­ro: Sarebbero sta­ti libe­ri di sta­re li o tor­na­re indie­tro, gli era uni­ca­men­te impe­di­to di entra­re in Italia.

2. Al con­fi­ne dell’Ungheria, con per esem­pio la Serbia, ci sono cen­tri per pro­ces­sa­re le richie­ste d’asilo: sem­pre aper­ti ver­so la Serbia ma chiu­si ver­so l’Ungheria. Le per­so­ne che vivo­no in que­sti cen­tri sono sem­pre libe­re di andar­se­ne, gli è solo impe­di­to l’ingresso in Ungheria.

3. I clan­de­sti­ni sul­le navi del­la guar­dia costie­ra ita­lia­na era­no ugual­men­te, in ogni sin­go­lo secon­do, per­fet­ta­men­te libe­ri di sali­re su un’altra nave o bar­ca e tor­na­re in Africa. Nessuno gli avreb­be impe­di­to di far­lo. Se loro stes­si non ave­va­no più i sol­di, dopo aver già spe­so miglia­ia di Euro per “l’andata”, per noleg­giar­ne una, non era cer­to “col­pa di Salvini” ma di loro stes­si che si era­no mes­si volon­ta­ria­men­te in esat­ta­men­te que­sta situa­zio­ne. Solo esse­ri uma­ni pos­so­no ave­re dei dirit­ti. Ed esse­ri uma­ni sono defi­ni­ti da, e sono sostan­zial­men­te nient’altro che, la capa­ci­tà di con­sa­pe­vol­men­te pren­de­re i pro­pri deci­sio­ni e di poi pren­der­se­ne la respon­sa­bi­li­tà. Per avan­za­re la tesi che i clan­de­sti­ni sia­no sta­ti pri­va­ti del­la loro liber­tà per­so­na­le, biso­gne­reb­be rite­ne­re che que­sta “liber­tà” com­pren­da l’ingresso in qual­sia­si pae­se a pre­scin­de­re da qual­sia­si leg­ge, una cosa asso­lu­ta­men­te assur­da. Quindi: Già la fat­ti­spe­cie di seque­stro di per­so­na non sus­si­ste. La que­stio­ne del­la “legit­ti­mi­tà” o meno del­la deci­sio­ne dell’allora mini­stro Salvini non vi si pone nean­che.

Dai com­men­ta­to­ri “pro­fes­sio­ni­sti” que­sto non l’abbiamo let­to o sen­ti­to da nes­su­na par­te, solo un let­to­re del “gior­na­le” in un com­men­to ha scrit­to quel­lo che, dal pun­to di vista del­la logi­ca, rite­nia­mo già dall’inizio, si tro­va qui: “….E anche ci fos­se­ro don­ne e bam­bi­ni, nes­su­no li tie­ne in ostag­gio, sono LIBERISSIMI di andar dove gli pare, uni­ca cosa non in Italia.”

Se si voles­se par­la­re di rea­to in casi come quel­lo che “coin­vol­ge” l’ex mini­stro Salvini, biso­gne­reb­be met­te­re in chia­ro che secon­do logi­ca e leg­ge (quest’ultima ovvia­men­te inter­pre­ta­ta ed appli­ca­ta non in modo arbi­tra­rio-emo­ti­vo ma logi­co) il rea­to è uno solo, com­mes­so dai clan­de­sti­ni e dai loro com­pli­ci: la coer­ci­zio­ne ai dan­ni del­lo Stato ita­lia­no. Prendere il lar­go con l’intento di entra­re in un altro pae­se sen­za per­mes­so, cioè di inva­der­lo, attra­ver­so un pro­vo­ca­to e spes­so solo pre­sun­to “nau­fra­gio” che, essen­do volu­to dall’inizio, per defi­ni­zio­ne nau­fra­gio non è, ma sem­pre ne ha l’aspetto super­fi­cia­le in modo che le auto­ri­tà si sen­to­no costret­te ad inter­ve­ni­re, è coer­ci­zio­ne per eccel­len­za.

Per chi non ci cre­des­se: Il “nau­fra­gio” inten­zio­na­le è per­fet­ta­men­te para­go­na­bi­le ad una minac­cia di con­sa­pe­vol­men­te cau­sa­re la pro­pria mor­te, cioè di sui­ci­dio; ed è di più in quan­to la minac­cia non è solo espres­sa in paro­le ma è spes­so già par­zial­men­te mes­sa in atto, cau­san­do con­di­zio­ni che pos­so­no cau­sa­re la mor­te in assen­za di un inter­ven­to. E la cor­te di cas­sa­zio­ne tede­sca ha espres­sa­men­te rite­nu­to che una tale minac­cia non solo non costrin­ge altri ad inter­ve­ni­re, ma può costi­tui­re, all’incontrario, il rea­to di coer­ci­zio­ne.1

_____
  1. BGH, Neue Zeitschrift für Strafrecht (NStZ) 1982, 286.[]
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su vk
Condividi su linkedin
Condividi su xing
Condividi su google
Condividi su email
Condividi su print
Di segui­to è ripor­ta­to un bre­ve rias­sun­to del nostro arti­co­lo ori­gi­na­le “La logi­ca del­la soprav­vi­ven­za alla pan­de­mia del Coronavirus”. Gli scien­zia­ti pos­so­no fare rife­ri­men­to a que­sto arti­co­lo, chiun­que sia sem­pli­ce­men­te inte­res­sa­to a come pro­teg­ger­si dal­le con­se­guen­ze poten­zial­men­te gra­vi di un’infezione da COVID-19 può sem­pli­ce­men­te con­ti­nua­re a leg­ge­re. L’obiettivo: soprav­vi­ve­re e vede­re la pan­de­mia fini­re pre­sto, in modo che l’economia non si fer­mi trop­po a lun­go, con tut­te le con­se­guen­ze dif­fi­cil­men­te pre­ve­di­bi­li per la vita …
[ Il testo seguen­te è una tra­du­zio­ne del nostro arti­co­lo “The logic of sur­vi­ving the Coronavirus pan­de­mic“. Mentre sia­mo sicu­ri del­la vali­di­tà del con­te­nu­to, chie­dia­mo scu­sa in anti­ci­po per gli erro­ri lin­gui­sti­ci e sti­li­sti­ci nel­la ver­sio­ne ita­lia­na. ] In que­sto arti­co­lo sug­ge­ria­mo quel­lo che con­si­de­ria­mo, oltre alla qua­ran­te­na dra­sti­ca per tut­ti, l’approccio più logi­co e pro­met­ten­te per soprav­vi­ve­re alla pan­de­mia del Coronavirus, sia a livel­lo indi­vi­dua­le che siste­mi­co. Traiamo con­clu­sio­ni da infor­ma­zio­ni sco­per­te e …

Lasciare un commento / unirsi alla discussione

Di segui­to è ripor­ta­to un bre­ve rias­sun­to del nostro arti­co­lo ori­gi­na­le “La logi­ca del­la soprav­vi­ven­za alla pan­de­mia del Coronavirus”. Gli scien­zia­ti pos­so­no fare rife­ri­men­to a que­sto arti­co­lo, chiun­que sia sem­pli­ce­men­te inte­res­sa­to a come pro­teg­ger­si dal­le con­se­guen­ze poten­zial­men­te gra­vi di un’infezione da COVID-19 può sem­pli­ce­men­te con­ti­nua­re a leg­ge­re. L’obiettivo: soprav­vi­ve­re e vede­re la pan­de­mia fini­re pre­sto, in modo che l’economia non si fer­mi trop­po a lun­go, con tut­te le con­se­guen­ze dif­fi­cil­men­te pre­ve­di­bi­li per la vita …
[ Il testo seguen­te è una tra­du­zio­ne del nostro arti­co­lo “The logic of sur­vi­ving the Coronavirus pan­de­mic“. Mentre sia­mo sicu­ri del­la vali­di­tà del con­te­nu­to, chie­dia­mo scu­sa in anti­ci­po per gli erro­ri lin­gui­sti­ci e sti­li­sti­ci nel­la ver­sio­ne ita­lia­na. ] In que­sto arti­co­lo sug­ge­ria­mo quel­lo che con­si­de­ria­mo, oltre alla qua­ran­te­na dra­sti­ca per tut­ti, l’approccio più logi­co e pro­met­ten­te per soprav­vi­ve­re alla pan­de­mia del Coronavirus, sia a livel­lo indi­vi­dua­le che siste­mi­co. Traiamo con­clu­sio­ni da infor­ma­zio­ni sco­per­te e …